Sabato 19 gennaio sbarca finalmente anche a Majano, in Auditorium, «Ognun la conte a so mût» il bello spettacolo ideato da Dino Persello dedicato alle donne della Carnia e promosso dalla Commissione Pari opportunità della Comunità montana di Tolmezzo. Si tratta di un lavoro originale, costruito come un coro di voci di donne capaci di prendere per mano lo spettatore e cullarlo tra le braccia delle varianti orali della Carnia; ossia, di quegli idiomi che, nella loro melodia, nascondono e svelano le storie della gente di montagna.

Nella presentazione dello spettacolo Dino Persello scrive così: «Immaginate un uomo, friulano della Bassa, in mezzo a un gruppetto di signore, carniche dalla testa ai piedi (ehm, scusate… intendevo dire agli “scarpetti”), che si cimenta nell’allestimento di un lavoro teatrale in friulano del quale perfino il titolo sembra remargli contro: Ognun la conte a so mût!

E adesso, ditemi se non sono stato bravo a uscirne indenne… Ma sapete in che modo? A dire il vero, pur dovendo fare i conti con tante personalità e tanti umori, con diverse inclinazioni e capacità, un aspetto ci ha messo immediatamente tutti d’accordo: l’amore per le nostre radici. Così, lavorare e divertirsi è divenuto automatico, una piacevole fatica, alleggerita ad un certo punto dall’ingresso nella compagnia di Celestino Vezzi, capace, grazie all’equilibrio e alla saggezza che gli sono propri, di stemperare le situazioni più complesse.

Lo spettacolo nasce da mie precedenti esperienze in questo particolare settore teatrale: un laboratorio in verticale, sempre aperto dunque, laddove in qualsiasi momento possono inserirsi altre protagoniste e la recitazione si costruisce un po’ alla volta insieme. In un tale contesto non c’è palco, non c’è sipario: le attrici si muovono su una scena spontanea, offrendo un contributo fresco e originale alla tutela e alla valorizzazione delle colorate varietà carniche della lingua friulana».

Insomma non vi resta che non perdere l’appuntamento majanese con «Ognun la conte a so mût»!

Qui potete scaricare il depliant pdf dello spettacolo