Nicola Gratteri, Giuseppe Baldessarro e Antonio Nicaso

Ve lo confessiamo, siamo al settimo cielo. La serata di ieri è stata per noi semplicemente straordinaria. Siamo riconoscenti a Nicola Gratteri, Antonio Nicaso e Giuseppe Baldessarro per aver portato a Majano la loro preziosa testimonianza, per averci ricordato che la legalità è un valore da custodire e da difendere, perché come ha detto Baldessarro «è importante per una comunità cominciare a lavorare prima, perché quando arriva Gratteri è tardi». Ringraziamo le tantissime persone che hanno partecipato all’incontro e che stamattina ci stanno tempestando di telefonate, email e messaggi per farci i complimenti. Questo ci incoraggia e ci dice che vale davvero la pena continuare a percorrere la strada che abbiamo iniziato… ed è per noi una grande gioia il fatto che, proprio strada facendo, in questa nostra avventura – che va avanti ormai da due anni e mezzo – si siano imbarcati tanti nuovi compagni di viaggio. Ci dispiace poi per quanti, purtroppo, non hanno potuto partecipare all’incontro perché i posti in auditorium erano esauriti. A questo link l’articolo pubblicato sul sito del Messaggero veneto.

Sono tanti i «grazie» che dobbiamo dire, ma il primo va al maresciallo della stazione dei Carabinieri di Majano, Daniel Revelant, che ha prestato servizio per molti anni in Calabria. Senza di lui l’iniziativa di ieri sera non si sarebbe mai realizzata.

Un grazie va alle istituzioni che ci sono sempre vicine e che ieri non hanno voluto far mancare la loro presenza. Permetteteci però di rivolgere un ringraziamento particolare alla Presidente della Regione, Debora Serracchiani, che tra i suoi mille impegni ieri è stata con noi, come ha detto lei, «prima di tutto da cittadina» perché le storie di mafia «sembrano tanto lontane, ma non è detto che lo siano».

Ringraziamo poi le tante associazioni presenti, majenesi, ma non solo, perché ieri, infatti, in auditorium c’era l’associazione Libera di Udine, con il suo referente Francesco Cautero, (che ringraziamo per aver diffuso la nostra iniziativa) e c’erano anche i volontari di Time for Life, ormai grandi amici di Majano c’è 1.5.9.

Un grazie anche ai volontari della Libertas – Bruno Pasut, Luca Snaidero e Roberto Miani – che ieri sera hanno garantito la sicurezza in Auditorium. A Celeste Piccoli e a Vincenzo Di Leno che armati di macchina fotografica hanno immortalato la serata. A Enrico Belluzzo che si è occupato delle riprese video. A Florendo, Gianni e Riccardo Daffarra che hanno realizzato i cartelli con le indicazioni «auditorium».

Chiudiamo infine con un ringraziamento a chi ha sostenuto la nostra iniziativa: la Fondazione Crup, la Comunità collinare, la Snaidero, il Consorzio del Prosciutto di San Daniele e il Prosciuttificio Dok Dall’Ava.

Di seguito pubblichiamo alcune prime foto (spartane) in attesa di quelle (vere) dei nostri bravissimi fotografi. A breve pubblicheremo anche il video su youtube.