Riprende venerdì 22 gennaio, a San Daniele, la rassegna «Una vita spesa per la legalità» dedicata  quest’anno agli «Uomini e donne delle Istituzioni».  Dopo gli incontri con l’ex ministro Maria Carmela Lanzetta e con il capitano Gregorio De Falco l’ Associazione «Per la Costituzione» porterà a San Daniele  Dario Montana che interverrà sul tema «Resistere alla criminalità come funzionario pubblico».

Dario Montana è un dirigente della Regione Sicilia,  grande conoscitore dell’apparato della  Pubblica Amministrazione  e delle sue disfunzioni. Da molti anni opera  in una regione ad alta intensità mafiosa, dove i funzionari pubblici devono resistere alle pressioni di politici e di imprenditori  disonesti che  si muovono nell’alveo dell’ illegalità. Dario Montana  è stato anche commissario straordinario per l’ ex Area di Sviluppo Industriale di Catania e criticato per la sua strenua difesa della legalità. Ha inoltre svolto per sei anni il ruolo di coordinatore della sezione provinciale di Catania di Libera.  Con Emanuele Giuliano, fratello del commissario Boris Giuliano,  ha dato vita al coordinamento parenti delle vittime della mafia «FareMemoria» in quanto Dario Montana è fratello di Beppe Montana  barbaramente ucciso  a Palermo nel 1985. Beppe Montana faceva parte della “Catturandi” nucleo portante della questura di Palermo  assieme ai colleghi Nini Cassarà e Roberto Antiochia. Tutti e tre, impavidi servitori dello Stato,  furono uccisi dalla mafia: prima Beppe Montana e nove giorni dopo Cassarà ed Antiochia  .

L’incontro con Dario Montana di venerdì 22 gennaio si svolgerà all’ Auditorium “Alla Fratta” con inizio alle ore 20.45.